SCEGLI IL CINEMA
filtra per filtra per

The Beatles: Eight Days a Week

  • Uscita:
  • Durata: 133min.
  • Regia: Ron Howard
  • Cast: Paul McCartney, John Lennon, George Harrison, Ringo Starr, Richard Curtis, Eddie Izzard, Whoopi Goldberg, Elvis Costello, Richard Lester, Malcolm Gladwell, Larry Kane, Sigourney Weaver, Kitty Oliver, Howard Goodall, Jon Savage, Ed Freeman
  • Prodotto nel: 2016 da NIGEL SINCLAIR, SCOTT PASCUCCI, BRIAN GRAZER, RON HOWARD PER APPLE CORPS LIMITED
  • Distribuito da: LUCKY RED
Vedi programmazione

TRAMA

Film evento sui quattro ragazzi di Liverpool che hanno conquistato il mondo. Il racconto delle imprese live della band dai primi giorni ai concerti che hanno fatto la storia della musica, dai tempi del Cavern Club di Liverpool fino allo storico Candlestick Park di San Francisco. La storia di come John Lennon, Paul McCartney, George Harrison e Ringo Starr si sono uniti diventando quel fenomeno straordinario che tutti conosciamo come "I Beatles." Un racconto costituito da preziosi filmati rari e inediti, che esplora il dietro le quinte della band, il modo in cui prendevano le decisioni, creavano la loro musica e costruivano insieme la loro carriera e mostra l'incredibile personalità e lo straordinario dono musicale che caratterizzavano ciascuno di loro. Per la prima volta vengono inoltre 30 minuti esclusivi della storica performance allo Shea Stadium del 15 agosto 1965, in quello che fu il primo concerto rock di fronte a più di 55.000 persone.

Dalla critica

  • Il Mattino

    Cacciando fuori dalla porta i professionisti dell'autodenigrazione occidentale, diciamo che è stato fortunato chi è stato giovane nell'epoca dei Beatles. La generazione dei baby boomers, alla faccia del catastrofismo apocalittico, fu proiettata, infatti, dallo sfolgorante percorso dei Fab Four in un mondo nuovo, nell'ineguagliabile immersione in un sentimento collettivo di libertà, felicità, bellezza e armonia E fortuna to è anche il pubblico destinatario dell'eclettica bravura dell'unico professionista su piazza a vantare uno stato di servizio che passa dall'attore di culto della tv anni 50 al regista da Oscar: a pensarci bene era forse inevitabile che Ron Howard si dedicasse un giorno o l'altro agli aspetti più struggenti di un fenomeno cruciale della cultura e lo spettacolo del Novecento. «The Beatles: Eight Days a Week» (...) non va assolutamente perso non solo per ché è il primo documentario autorizzato sulla band, ma perché raccoglie un patrimonio di materiali rarissimi e sceglie una linea narrativa che rende di colpo secondaria la piramide di materiali sorta sulla memoria della beatlesmania. Trasgredendo le regole dei prodotti affini (...) il film preferisce evidenziare con un grande disegno di regia che si conclude sul tetto della Apple a Savile Row (...) la stessa collisione esplorata dagli studi di Benjamin, Horkheimer, Adorno, Morin, Eco tra arte intrattenimento, sperimentazione e consumismo, fama e icona, identità e mitografia del personaggio postmoderno.

  • Corriere della Sera

    (...) un pezzo di isteria collettiva e storia pop, tanto che la colonna sonora con 54 pezzi è tra le più lussuriose e seducenti, vera recherche. Seguono 20' del concerto allo stadio di New York e l'impressione è che la loro forza, l'empatia e simpatia siano ancora intatte.

  • Il Messaggero

    (...) documentario di Ron Howard, che riesce a rievocare tutte le ragioni per cui non possiamo smettere di adorare i Beatles, aggiungendone mille altre che non conoscevamo. Non solo perché per girarlo ha frugato in tutti i possibili archivi esistenti, setacciando anche foto e filmini dei fans in tutto il mondo (chi aveva mai visto i tour trionfali in Australia e Nuova Zelanda?). Ma perché si concentra su un punto essenziale nell'incredibile parabola dei Fab Four, spesso trascurato dalla mitologia successiva: gli inizi. Non la preistoria del gruppo, già avvolta nella leggenda. Ma i primi anni di successi, con quell'accelerazione vertiginosa e tutto ciò che si porta dietro di ebbrezza, meraviglia, perfino paura. Come un tesoro che aspetta solo di essere svelato. E poi svelato di nuovo, perché non illumina solo un'epoca storica ma uno stadio della loro crescita in cui di colpo si specchiarono, e continuano a specchiarsi, milioni di persone. (...) In fondo la loro fu l'unica rivoluzione non violenta del 900. Il bello è che non potevano saperlo. E Ron Howard racconta proprio questo.

  • Il Fatto Quotidiano

    'Eight Days a Week' è, in definitiva, un documentario sull'impossibile convivenza tra arte e successo, sperimentazione e pop(olarità), talento e celebrità, persona e personaggio: i quattro Beatles diventarono alieni al fenomeno Beatles. (...) Merito ineludibile di 'Eight Days a Week' è riconsegnarci i Fab Four in anima, corpo e plettro: esseri pulsanti, senzienti, carne, ugola e pensiero. (...) A render loro l'onore della realtà, e della verità, è Ron Howard (...). Per il primo documentario autorizzato sulla band da oltre 45 anni, Howard ha potuto contare su un materiale eccellente e inedito (150 i brani musicali inseriti nel film), in gran parte richiesto via Facebook agli stessi fan dei Fab Four. (...) I risultati sono superlativi, soprattutto perché fanno venire nostalgia di quattro uomini (stra)ordinari, e non solo di una band iconica.

  • Il Giornale

    (...) un «dietro le quinte» che fotografa al meglio quello che i Beatles rappresentarono per milioni di giovani in tutto il mondo, comprese le implicazioni politiche di certe loro scelte (contro la segregazione razziale) e affermazioni (sulla religione). Il peso del successo «sopportato» grazie alla loro fraterna amicizia. Ma che brutto aver ignorato l'esistenza di Pete Best.

  • Avvenire

    Howard ha messo mano a duemila tra filmati e fotografie, lavorati in tre anni (e raccolti dal 2002), senza scadere nell'agiografia né sottolineare gli aspetti pruriginosi della storia dei Beatles: così il suo docufilm, in realtà vero film per la prospettiva autorale che fra montaggio e altri effetti di scrittura filmica dà ai documenti, non dimentica la Liverpool povera da cui tutto parte, l'amicizia vera di quattro ragazzi cui (Lennon dixit) «hanno sottratto la giovinezza», l'intrecciarsi umanissimo in loro di buona educazione e sfacciataggine, professionalità e divertimento. E su episodi come la droga non indugia né banalizza: vi dedica invece le testimonianze amare di chi capiva, fra le sue cause, l'insicurezza e la paura del non essere più persone, ma solo carne da palcoscenico. Howard ha avuto pure il merito di approfondire la musica collocandola al contempo dentro la storia con la maiuscola che le scorreva intorno (...).

  • L'Unità

    Se pensate di sapere tutto dei Beatles, di aver visto ogni immagine, ogni fotogramma della loro storia, sappiate che 'Eight Days A Week' vi stupirà.

VEDI TUTTE LE RECENSIONI

In programmazione in questi cinema

Cosa vuoi fare?

Idee per il tempo libero

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Altri film nei dintorni

Animali notturni

Animali notturni

  • Uscita:
  • Regia: Tom Ford
  • Cast: Jake Gyllenhaal, Amy Adams, Isla Fisher, Michael...

Susan Morrow riceve il manoscritto intitolato "Nocturnal Animals" dal suo ex marito Edward Sheffield, con cui si era...

Scheda e recensioni
La ragazza del mondo

La ragazza del mondo

  • Uscita:
  • Regia: Marco Danieli
  • Cast: Sara Serraiocco, Michele Riondino, Marco Leonardi,...

Quello di Giulia è un mondo antico e sospeso, fatto di rigore e testi sacri, che esclude con ferocia chi non vi...

Pets - Vita da Animali

Pets - Vita da Animali

  • Uscita:
  • Regia: Chris Renaud, Yarrow...

Come vivono le loro giornate i nostri animali domestici quando li lasciamo soli per andare a scuola o al lavoro?

Nel frattempo, in altre città d'Italia...