Maroni: "I lavoratori lombardi non sono immigrati clandestini"

"Accettiamo l'esito del referendum, naturalmente, ma vigileremo perché ciò non si traduca in una lesione dei diritti dei nostri concittadini lombardi o (peggio) nell'introduzione di discriminazioni o violazioni delle norme che tutelano i nostri lavoratori". Comincia così il post su Facebook pubblicato dal governatore della Lombardia, Roberto Maroni, "a botta calda". Sono passate appena una manciata di ore dalla diffusione dei risultati del referendum anti frontalieri, l'iniziativa che chiede di privilegiare la manodopera svizzera nelle assunzioni. "A partire da domani, la Regione Lombardia predisporrà le adeguate contromisure per difendere i diritti dei nostri concittadini lavoratori", sottolinea Maroni sul suo profilo, aggiungendo che i lavoratori (lombardi) non sono " immigrati clandestini". Leggi tutta la notizia

Categoria: CRONACA

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Maroni: "I lavoratori lombardi non sono immigrati clandestini"
  2. Berretti, Inter-Torino 3-1
    Inter.it
  3. Tragico incidente nel Lecchese, morto un motociclista e altre sei persone sono rimaste ferite
    Milano Repubblica
  4. Giovanissimi Regionali, Inter-Pro Vercelli 4-0
    Inter.it
  5. LOMBARDIA. REFERENDUM TICINO, BRIANZA: VITTORIA SI' INCIDE SU LAVORO TRANSFRONTALIERO
    MI-Lorenteggio

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Milano

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...