Le illusioni di Gucci in passerella

Ecco il gran teatro di Gucci, dove "la moda è la più bella illusione che si possa avere". A fare gli onori di casa è Alessandro Michele, che per la prossima estate presenta una collezione dove "ogni abito racconta storie intrise di meraviglia, fantasmagoria e irritualità". Storie che testimoniano quel procedere eclettico e irrituale del direttore creativo di Gucci. La collezione è l'evoluzione della capacità di Michele di prendere spunto da mondi ed epoche diverse creando connessioni imprevedibili e spiazzanti. Così in passerella, in 75 uscite, ci sono tutti i suoi feticci: il bon ton, l'Oriente, i bestiari, i fiori. E poi i tessuti ripescati dall'archivio e mixati alle scritte e alle illustrazioni di Jayde Fish, artista scovata su Instagram, il punk e le meretrici veneziane. Su tutto però domina il colore anche se l'atmosfera è comunque noir, un po' gotica, con le modelle con in mano ventagli con la scritta 'Hollywood cemetery forever' che si schermano il volto dietro occhiali sproporzionati.

ANSA

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Emozioni e poesia in musica Gerhaher canta Schumann
  2. Il Soldato di Vetro siede sul bordo del nulla. Davanti a sé ha la luna
  3. Tra gli alberi e il cielo Ecco il regno di Marilena
  4. Edilizia in crisi, De Albertis: "Subito il contratto di cantiere"
  5. Lo spirito ritrovato della sfida Milano corre verso il futuro

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Milano

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...